Beciani srl -
RSS
powered by

Il mio blog

Il fascino dei cantieri a cielo aperto della Beciani s.r.l.

Il fascino dei cantieri a cielo aperto della Beciani s.r.l.
Tra le imprese marchigiane premiate con il Mercurio d'Oro c'era lo staff della Beciani s.r.l di Ostra
Nella giornata del riconoscimento del livello di eccellenza, alle imprese marchigiane premiate, col mercurio d’oro, era presente con lo staff dirigenziale la “BECIANI S.R.L.” di Ostra.
Non si vuole tessere il solito elogio di circostanza ad una impresa, alla quale viene riconosciuta la migliore qualità per la competenza degli uomini e la tecnica ingegneristica dei suoi lavori, ma la nomina di essere la migliore per 34 anni. Si è notato nell’orgoglio dei titolari, che hanno ritirato il premio come unici rappresentanti della categoria sul palco di Portonovo. Si vuole invece raccontare cosa significa per la conoscenza della maggior parte dei cittadini e degli utenti delle strade, delle contrade, dei fiumi e delle montagne del territorio, usufruire del risultato dei lunghi ingegneristici lavori nei cantieri a cielo aperto della “BECIANIS.R.L.”. Non si parla solo di ponti, di nastri asfaltati, di strade ferrate, di bordature ecostature appariscenti ai letti dei fiumi e a quelle dei dislivelli delle Marche, ma parliamo anche di tutto quello che c’è sotto, che costituisce il basamento al lavoro finito, che costituisce l’architettura ideogeografica di base, di ciò che vediamo; quando rimarginate le ferite delle ruspe e terminato il lavoro di cantiere,tutto viene ripristinato in modo armonico. Questo è il concetto di cantiere a cielo aperto, perché irretire dentro gigantesche gabbie il materiale sassoso che fa da fondamento o sbancare rilievi senza alterare il paesaggio e rimettere a dimora le alberature accantonate, significa armonia ecologica dell’ambiente. Per la “BECIANIS.R.L.” vuol dire lavoro duro e compiuto a regola d’arte, da parte dei suoi uomini, guidati da ingegneri e coordinati dagli imprenditori Beciani Liliano – Stefano – Cristian e amministratida Susanna. Se le Marche tutt’oggi conservano, una nomea di paesaggio affascinante, è perché le ruspe, le benne, gli escavatori, i camion ribaltabili, hanno lavorato con rispetto, cesellando pur nel duro terreno il lavoro con delicatezza nei confronti della natura. Lo stesso rispetto di cui l’azienda, si è fatta carico nel procurarsi il materiale di base: roccioso, ghiaioso e terroso a milioni di tonnellate, da cave consentite dalla legge o miniere nascoste all’occhio degli abitanti, secondo un equilibrio architettonico nel rapporto qualità– quantità.
Il Mercurio d’oro che si muove con le ali degli Dei, non disdegna di premiare come rappresentante mitologico del lavoro umano e dei commerci, chi, con passione e competenza, rispetta il fascino del territorio che è sempre sotto lo sguardo degli Dei. Fascino, è altrettanto l’accumularsi biancastro delle ghiaie, degli sbrecciati e delle sabbie, che costituiscono il serbatoio su 10 ettari sui piazzali della “BECIANI S.R.L.”.
Massimo Deila
(Fonte: Corriere Adriatico)
 
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint